Home » Medicine » Come riconoscere un ictus ?

Come riconoscere un ictus ?

Durante una grigliata Federica cade. Qualcuno vuole chiamare l’ambulanza ma, rialzandosi, Federica dice di essere inciampata con le scarpe nuove.

Siccome era pallida e tremante l’abbiamo aiutata a rialzarsi. Federica ha poi trascorso il resto della serata serena ed in allegria.

Più tardi, la stessa sera, il marito di Federica mi telefona dicendomi che sua moglie è in ospedale. Verso le 23.00 mi richiama e mi dice che Federica è deceduta. Federica ha avuto un ictus cerebrale durante la grigliata.
Se gli amici avessero saputo riconoscere i segni di un ictus, Federica sarebbe ancora viva. La maggior parte delle persone colpite da ictus non muore immediatamente. Molti neurologi sostengono che se si riesce ad intervenire entro tre ore dall’attacco si può facilmente porvi rimedio. E’ essenziale riconoscere per tempo l’ictus. Riuscire a diagnosticarlo e portare il paziente entro tre ore in terapia.

Come sottolinea il Ministero della Salute, in Italia l’ictus è la terza causa di morte, dopo le malattie ischemiche del cuore e le neoplasie; causa il 10-12% di tutti i decessi per anno e rappresenta la prima causa di invalidità. Ogni anno si verificano in Italia circa 196.000 ictus, di cui il 20% sono recidive.

Il segreto per riconoscere se qualcuno ha avuto un ictus sta in questi 4 punti:

ictus2
1) Chiedete alla persona di sorridere (se ha avuto un ictus avrà difficoltà a sorridere);
2) Chiedete alla persona di pronunciare una frase completa, per esempio “oggi è una bella giornata” (se ha avuto un ictus avrà difficoltà a esprimerla correttamente);
3) Chiedete alla persona di alzare le braccia (se ha avuto un ictus non ce la farà o ci riuscirà solo parzialmente);
4) Chiedete alla persona di mostrarvi la lingua (se la lingua è gonfia o la muove solo lateralmente è un segno di allarme).
Nel caso si verifichino uno o più di questi 4 punti chiamate immediatamente il pronto soccorso e descrivete i sintomi della persona per telefono.

Leggi anche

COVER GAWANDE

Come guarire la medicina

Ma è di squadre coordinate che abbiamo bisogno per i pazienti

Un commento

  1. Fourment Michèle

    Quest’articolo sarebbe da diffondere, in particolare per i 4 punti elencati. Tutti ne dovrebbero essere al corrente. Grazie per averlo pubblicato