Home » Senza categoria » Più si invecchia più diminuisce la capacità di resistenza al freddo. Sette consigli per sopravvivere all’inverno.

Più si invecchia più diminuisce la capacità di resistenza al freddo. Sette consigli per sopravvivere all’inverno.

Anche se non occorre essere pensionati per soccombere ai rischi del freddo invernale, più si invecchia più diminuisce la capacità di resistenza al freddo.

Per questo motivo, la nota giornalista del New York Times, Jane Brody, ha dedicato un articolo a 7 suggerimenti per cercare di uscire il più possibile indenni dagli inverni più rigidi.

Vestirsi a strati 

Cominciamo con le basi: cosa indossare?

Strati di vestiario comodo (non aderente) trattengono il calore naturale del corpo, e lo fanno al meglio con uno strato interno isolante ed uno strato esterno resistente a vento ed acqua. Minore è l’area corporea esposta, e più caldi sarete. Se vi bagnate i vestiti, questi perdono la maggior parte della loro protezione, disperdendo il calore corporeo invece di trattenerlo. I piumini, normalmente i più caldi tra i capi di vestiario, non sono efficaci se bagnati.

maglie termiche

Alcuni scienziati inglesi che hanno studiato come i popoli della Siberia orientale si proteggono dal freddo, hanno osservato che usano abitualmente vestirsi a più strati — generalmente di pelliccia o altro materiale spesso — e non cominciano a sentire gli effetti del freddo prima di raggiungere temperature sotto i -15 gradi.

Proteggere le estremità 

muffoleBerretti che coprono le orecchie (o cuffie) sono fondamentali perché la testa è la più esposta al freddo. Sciarpe tengono caldi collo e petto e si possono usare per proteggere il viso dal vento. Le muffole riscaldano più dei guanti, specialmente se foderate di pelliccia o riscaldate con batterie ricaricabili.

 

Per i piedi freddi ci sono caldi stivali foderati ed impermeabili, oltre a calzettoni e solette termici a batteria. Suole antiscivolo o a tacchetti aiutano a non scivolare su superfici ghiacciate.

 

Tutelare la propria salute 

Rimanere idratati e ben nutriti, e lavarsi spesso le mani. Evitate infezioni gravi facendovi il vaccino annuale contro l’influenza e se avete più di 65 anni, come ricorda anche la Fondazione Umberto Veronesi, il vaccino contro la polmonite.

Preparare la vostra casa

Riducete gli spifferi e abbassate i costi del riscaldamento isolando il tetto, le pareti, le finestre e le porte. Mantenete il termostato ad una temperatura confortevole durante il giorno, ovvero una media di 22 gradi. Ricordiamoci che i bambini piccoli e gli anziani prendono più facilmente freddo.

Tuttavia, si può risparmiare un bel po’ di denaro se si abbassa il termostato e si indossano vestiti caldi anche dentro casa. Anche l’attività fisica genera calore corporeo, perciò state seduti il meno possibile e muovetevi il più possibile. Abbassate il termostato durante la notte regolandolo a circa 16 gradi, indossando però pigiama caldi e coprendovi bene con il piumone quando dormite.

Guidare in sicurezza

Assicuratevi che la vostra automobile è pronta ad affrontare l’inverno con una buona batteria, pneumatici con battistrada in buone condizioni e gonfiati a dovere, antigelo nel radiatore e tergicristalli funzionanti.

Apparecchi che considero essenziali in auto, specialmente se percorrete strade isolate o distanti da casa: un cellulare carico, preferibilmente con memorizzati i numeri di emergenza; una torcia funzionante; spazzola tergi neve, raschietto per ghiaccio e piccola pala; una o più coperte; acqua potabile e merendine o panini.

Esercitatevi a guidare sulla neve o sul ghiaccio in una zona sicura. Imparate a derapare, cosa che ho imparato a fare appena ventenne e che mi ha salvato la vita quando la mia auto sbandò su un cavalcavia di un’autostrada in Wisconsin. Riposatevi bene prima di iniziare un viaggio in macchina e fermatevi ad un’area di riposo se vi prende sonno. Nei viaggi lunghi, fermatevi, uscite dalla macchina e fate quattro passi almeno ogni tre ore.

Non lasciate mai l’auto con il motore acceso e finestrini chiusi o mentre sonnecchiate. È ovvio che non si deve mai bere alcolici prima di mettersi al volante, ma una tazza di caffè o tè non decaffeinato è sempre una buona idea. Io bevo caffè in una tazza di metallo che si attacca alla presa elettrica dell’auto.

tazza riscaldata

Rispettare sempre i limiti di velocità e le distanze dagli altri veicoli secondo le condizioni stradali. Ci vuole più tempo a frenare sul ghiaccio, sulla neve e sul ghiaccio bagnato. Una brusca frenata su terreno duro e scivoloso è un invito al disastro.

Finiamo con gli ultimi tre suggerimenti proposti da Jane Brody, ovviamente destinati in modo particolare a lettori Americani, più abituati a dover convivere con temperature rigidissime e a doversi spostare a volte su lunghe strade isolate e ricoperte di neve.

paesaggio neve

Prevenire incendi Gli incendi sono uno dei maggiori rischi durante l’inverno, molto spesso evitabili. Tuttavia, nessuna casa dovrebbe essere priva di rilevatore di fumo e monossido di carbonio funzionanti (spesso disponibili in combinazione). Mai usare i fornelli o il forno per riscaldare l’ambiente. Invece, potete investire in un scalda-ambienti portatile di qualità e usarlo in sicurezza, al sicuro da bambini e animali. Secondo il National Fire Protection Association, 40% degli incendi da riscaldamenti e 84% delle conseguenti morti sono causati da scalda-ambienti fissi o portatili. Scegliete solo quelli che si spengono all’istante se rovesciati e poneteli solo su superfici non infiammabili, rigide e piane. Spegnete tutte le stufe elettriche prima di addormentarvi. Le stufette elettriche sono le uniche che si possono usare senza ventilazione dentro casa. Se usate il camino, proteggetelo sempre con una grata protettiva per evitare fuoriuscite di faville e tizzoni.

Se possibile, evitate di usare prolunghe, spesso causa di incendi domestici. Ma se non potete farne a meno, assicuratevi che i cavi siano moderni, intatti e adatti all’apparecchio che usate. Mai usarne una per alimentare una stufa o più di un apparecchio. Una scelta più sicura: far installare più di una presa a muro.

Strada neve

Guidare in sicurezza Assicuratevi che la vostra automobile sia pronta ad affrontare l’inverno con una buona batteria, pneumatici con battistrada in buone condizioni e gonfiati a dovere, antigelo nel radiatore, tergicristallo funzionanti e detersivo liquido antigelo per finestrini.

Apparecchi che considero essenziali in auto, specialmente se percorrete strade isolate o distanti da casa: un cellulare carico, preferibilmente con memorizzati i numeri di emergenza; una torcia funzionante; spazzola tergi neve, raschietto per ghiaccio e piccola pala; razzi di segnalazione; una o più coperte; acqua potabile e merendine o panini.

Esercitatevi a guidare sulla neve o sul ghiaccio in una zona sicura. Imparate a derapare, cosa che ho imparato a fare appena ventenne e che mi ha salvato la vita quando la mia auto sbandò su un cavalcavia di un’autostrada in Wisconsin. Riposatevi bene prima di iniziare il Vostro viaggio e fermatevi ad un’area di riposo se vi prende sonno. Nei viaggi lunghi, fermatevi, uscite dalla macchina e fate quarto passi almeno ogni tre ore.

Non lasciate mai l’auto con il motore acceso e finestrini chiusi o mentre sonnecchiate. E’ ovvio che non si deve mai bere alcolici prima di mettersi al volante, ma una tazza di caffè o tè non decaffeinato è sempre una buona idea. Io bevo caffè in una tazza di metallo che si attacca alla presa elettrica dell’auto.

Rispettare sempre i limiti di velocità e le distanze dagli altri veicoli secondo le condizioni stradali. Ci si mette più tempo a frenare sul ghiaccio, sulla neve e sul ghiaccio bagnato. Una brusca frenata su terreno duro e scivoloso è un invito al disastro.

Attenzione a spalare la neve In America, spalare la neve causa migliaia di feriti e fino a 100 morti l’anno, e non solo tra chi non è più nel fiore degli anni. Se non si fa regolare attività fisica e non si è in ottima forma, pagate qualcuno che spali la neve per voi. E non crediate che lo spazzaneve soffiatore portatile sia più sicuro. È comunque un attrezzo pesante e maneggiarlo può affaticare il cuore, specialmente se fa freddo.

spalare neve

La National Safety Council offre questi consigli per spalare in tutta sicurezza: controllate con il vostro medico di non avere patologie cardiache di qualsiasi natura; non mettetevi a spalare dopo aver mangiato o mentre fumate; prima fate un po’ di stretching e cominciate lentamente; dove è possibile, spingete la neve piuttosto che alzarla; se dovete alzarla, non caricate eccessivamente la pala e usate le gambe, non la schiena, per sollevarla; evitate di affaticarvi al punto di sfinirvi; e fermatevi subito se vi sentite girare la testa o vi sentite stringere il petto.

Leggi anche

checklist

Nuova checklist per rilevare segni precursori di demenza

  Potete scaricare la nostra traduzione della checklist da poco presentata alla Conferenza Internazionale di ...

Commenta